Una folla di nani per Biancaneve ribelli

61yy9hgrWNL__SX497_BO1,204,203,200_

L’ironia salverà il mondo. Ma anche una buona dose di sana ribellione non guasterebbe.

E di ironia e di spirito ribelle certo non difetta l’ultimo albo uscito per la collana Sottosopra di Giralangolo (della quale ho già parlato qui e qui), la storia di una Biancaneve tutt’altro che convenzionale alle prese con…settantasette nani!

L’incipit è piuttosto noto anche se leggermente spostato in media res rispetto al classico. Ma d’altra parte chi non conosce il principio della storia? Bene, allora ci troviamo che la fanciulla mora è già persa nel bosco, in fuga e spaventata. Ma nella casetta che trova non abitano sette nani ma… undici volte sette! Una vera e propria folla di nanetti, ciascuno col suo nome.

[Per scegliere alcuni dei nomi dei nani, la maggior parte dei quali buffi e piuttosto fantasiosi , la casa editrice si è rivolta anche al pubblico dei social creando un simpatico e divertente gioco]

Biancaneve_77nani_PDF_nomi

Gli omini sono indubbiamente ospitali ma ci tengono che tutto sia chiaro: Biancaneve può rimanere in casa con loro ma in cambio le viene chiesta una mano nelle faccende domestiche.

Immaginate? Rassetto e bucato per settantasette, per non dimenticare i pasti – cena, colazione e anche le sportine per il lavoro – e perfino, alla sera, spazzolare tutte le barbe e leggere fiabe della buonanotte. Una per ciascuno, s’intende.

Biancaneve_77nani_PDF _Zoo

La nostra Biancaneve, aggraziata e ben pettinata acquisisce velocemente delle sembianze decisamente stravolte.

I nani appaiono simpatici, per carità, ma anche un poco confusionari, capricciosi, vivaci, indisciplinati. Somigliano ai bambini. E’ facile ritrovare tra le pagine similitudini tra gli atteggiamenti degli omini barbuti e quelli dei piccoli cui siamo abituati: le baruffe, il saltare sui letti, il richiedere attenzione (tutti nello stesso momento ovviamente), le pose poco composte…

Biancaneve_77nani_PDF_Colazione

C’è anche una decisa nota di egoismo nei loro atteggiamenti, basterebbe poco per alleviare la povera Biancaneve dalle sue onerose incombenze: ciò che risulta pesante ad essere fatto da soli può diventare lieve e ben sopportabile se diviso per settantotto.

E’ quello che deve aver pensato l’esasperata fanciulla quando, al culmine della sua stanchezza, propone ai nanetti di aiutarla a lavare la montagna di piatti. Indovinate? Della folla di barbe e cappelli in un attimo non resta più nulla. I nani? dileguati, Biancaneve lasciata sola con le sue faccende.

Questa è la goccia che lascia traboccare il vaso: la ragazza in un impeto di ribellione sceglie la fuga nel bosco, piuttosto che la schiavitù casalinga. E pazienza se rischia di incontrare la strega con le mele avvelenate.

Anzi, cosa c’è di meglio di una doppia razione di queste per essere sicura di dormire tranquilla e di essere lasciata in santa pace, non solo dai nani ma anche dai principi! Che non si sa mai…

Sull’ultima tavola Biancane appare tutt’altro che tristemente consegnata ai rigori della morte: un’elegante mascherina per gli occhi, una posa morbida e rilassata, un sorriso eloquente…Ed un cartello chiaro: “Per favore NON svegliatemi”

Un albo movimentato, vivace, colorato, in cui umorismo ed ironia sono chiavi di lettura privilegiate per un tema importante: in una famiglia, in una comunità, che sia essa composta da due persone o da settantasette, il modo per garantire equilibrio e benessere per tutti è dividere il lavoro. E non è assolutamente automatico che il (o i) componente femminile debba sobbarcarsi tutto il lavoro di cura. Se le viene richiesto, o peggio preteso, ben venga la ribellione, come ci insegnano Biancaneve o la signora Maialozzi di un bell’albo di Antony Browne.

“Biancaneve e i 77 nani” di Raphaëlle Barbanègre e Davide Calì, Giralangolo, 2016, 36 p., 13,50 euro

(Età consigliata: dai 4 anni)

Se il libro ti piace, compralo qui: Biancaneve e i 77 nani

Annunci

Un pensiero su “Una folla di nani per Biancaneve ribelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...