Melody: parole fuori dal guscio

Recensione di Fulvia Melody cattura il lettore sin dalle prime battute, un inno alle parole che hanno riempito la sua vita sin dalla primissima infanzia ma che lei non ha mai potuto pronunciare. Non parla Melody, esprime solo dei suoni gutturali, così come non cammina e non ha il controllo di braccia e mani; la…

Pubblicità

“Scacciapensieri, poesia che colora i giorni neri”, AA.VV., edizioni Mille Gru

  Articolo di Fulvia «La nostra anima è una pianura/E qualche volta è secca, brucia e graffia/ Una carezza è pioggia che la cura/ E che la innaffia» Sono alcuni versi della poesia “Canzone delle carezze” di Bruno Tognolini, che fa parte delle 64 composizioni raccolte nell’antologia Scacciapensieri, poesia che colora i giorni neri. Versi,…

“Quattro ragazzi per due papà” & “Il primo amore sei tu”

Articolo di Fulvia Il tema dell’omogenitorialità, dopo essere diventata oggetto di alcuni albi per i più piccoli (pensiamo in particolare a Con tango siamo in tre, Edizioni Junior, e Perché hai due mamme?, Lo Stampatello ) fa la sua comparsa anche nei romanzi per ragazzi, per il momento provenienti dagli Stati Uniti, dove questa realtà…

“Petite” di Geneviève Brisac, Piemme

Recensione di Fulvia Due genitori intellettuali, due sorelle più piccole, l’ingresso nell’adolescenza e quel desiderio di non crescere, evitando di nutrirsi. Ha tredici anni Geneviève Brisac, l’autrice del romanzo autobiografico “Petite“, quando diviene anoressica. «Non crescerò più, mi ero detta. Mangerò soltanto l’indispensabile. Quel che serve per sopravvivere». Sono i primi anni Sessanta del secolo…

“Quello che gli altri non vedono” di Virginia MacGregor, Giunti

Recensione di Fulvia Per mettere a fuoco un particolare, per imprimere nella mente un dettaglio occorre restringere il campo visivo, un po’ come fa l’obiettivo di una macchina fotografica quando inquadra l’oggetto d’interesse. La stesso accade alle persone affette da retinite pigmentosa, una malattia degli occhi che indebolisce la visione periferica. Si vede cioè ciò…

“Il segreto di Espen” di Margi Preus, Giralangolo

Recensione di Fulvia L’occupazione tedesca durante la seconda guerra mondiale si è estesa a gran parte dell’Europa. E quasi ovunque la popolazione si è divisa tra i collaborazionisti e i cosiddetti resistenti. Ragazzi che prima di quel momento erano compagni di scuola, amici, si sono trovati su lati opposti della barricata, improvvisamente contrapposti. È questo…