“Che differenza c’è tra un libro e un bambino?” di Anna Sarfatti e Sara Benecino, Nord-Sud

libribambinicopE’ da un po’ di tempo che mi piace collezionare tutti quei libri che parlano di…libri!
Molti autori di albi illustrati si sono cimentati con le tematiche che riguardano l’amore per la lettura declinandole in storie ora spassose, ora tenere, ora sognanti, ora intense, a volte geniali.
(Alla fine della recensione una piccola bibliografia tematica)

Recentemente mi è capitato tra le mani un gustoso piccolo testo che presenta un campionario di similitudini tra libri e bambini, un lavoro scanzonato, allegro che, poggiandosi su giochi di parole, immagini azzeccate, buffe trovate, lasciando risaltare quel bel legame che dovrebbe esistere tra infanzia e lettura.

L’albo in questione è “Che differenza c’è tra un libro e un bambino?” di Anna Sarfatti e Sara Benecino, edito da Nord-Sud e già ad un primo sguardo mi è parso uno strumento utile per principiare letture collettive ad alta voce, per stupire il gruppo e suscitare qualche risata e intervento, per predisporre all’ascolto attivo e partecipato, certi che ciascun giovanissimo ascoltare potrà far fruttare in modo originale e personale le immagini proposte.

I libri e i bambini hanno sicuramente in comune una dimora preferenziale nei mondi della fantasia. Nella mente dei piccoli e tra le pagine scritte e disegnate risiede la libertà di immaginare, inventare, associare, creare.
I libri piacciono ai bambini perché contengono storie, perché a volte rispondono ai meccanismi del gioco, perché creano suggestioni che fanno sentire compresi.
Ma le storie, quindi i libri, a loro volta per funzionare hanno bisogno di rassomigliare ai bambini, di non perdere lo spirito dell’infanzia, di stabilire connessioni efficaci con i loro piccoli lettori.

Accade allora che i bei libri diventino per i piccini dei veri e propri compagni di crescita. I bambini non chiedono dell’autore o dell’illustratore di un albo, dopo che lo hanno sfogliato – per loro questi sono inesistenti o al più marginali – ma stabiliscono il legame diretto con l’oggetto, con la scatola magica che li ha fatti sognare. Con il libro si può dialogare, viene trascinato per casa, portato a letto, raccontato alle bambole, assaggiato. Rassicura, calma, fa ridere, perfino arrabbiare a volte.
In quell’universo animistico dove l’infanzia dimora il libro amato non è una cosa, ma prende vita, come succede al pupazzo di peluche o all’automobilina preferita.

Ecco quindi che non ci stupisce – e soprattutto non stupisce i bambini – che i volumi disegnati da Sara Benecino abbiano occhi, bocche, mani e piedi, che appaiano birichini e vivaci, mostrino di provare emozioni.

libribambini1.pngSeguendo la carrellata di somiglianze scoppiettanti e fantasiose ci accorgeremo che un pizzico di arguzia linguistica e di spirito d’osservazione le autrici hanno semplicemente affermato, in maniera briosa, una serie di verità, nulla che, dopo aver sorriso, possa essere confutato.
E così è vero che esistono tante varietà di libri e di bambini, che i libri si sostengono impilandoli vicini così come i bambini hanno bisogno della compagnia dei coetanei, che libri e bambini si mettono volentieri nelle mani di chi ha cura e interesse per loro, che sia i libri che i bambini vanno rispettati e amati…
Ma è corretto anche, per sorridere, affermare che i libri hanno un solo indice mentre i cuccioli di umani ne hanno ben due, che le costole appartengono ad entrambi (qualche nota fisica sui volumi può far nascere la curiosità di approfondire), che alcuni bambini divorano libri ma non si è mai visto un libro che…divori bambini!

libribambini3libribambini4Alternando pagine più riflessive ad altre dove, giocando con le parole, si suscita il buonumore, le autrici arrivano con semplicità e giocosità- e rima – a concludere che “libri e bambini sempre vicini!”. E come dar loro torto?

(consigliato dai 4 anni)

libribambini5

Con lo spunto di questo albo piccolo e gaio, ho pensato di raccogliere qui una piccola bibliografia di libri che parlano di libri, a vantaggio di chi, in letture pubbliche, private, laboratori o altro, voglia rendere omaggio all’amore per la pagina scritta e illustrata, alla sua magia e al suo potere.

“Libro!” di Kristine O’Connell George e Maggie Smith, Interlinea

“Siamo in un libro!” di Mo Willems, Il Castoro

Nel paese dei libri di Quint Buchholz, Beisler

Mai più senza libri di Peter Carnavas, Valentina Edizioni

Libri!” di Murray McCain e John Alcorn, Topipittori

“E’ un libro” di Lane Smith, Rizzoli

“I fantastici libri volanti di Mr. Morris Lessmore” di William Joyce, Joe Bluhm, Rizzoli

“Mi piacciono i libri” di Antony Browne, Giannino Stoppani Edizioni

Mostràz di Chiara Cavallaro e Francesca Cavallaro, Camelozampa

“L’incredibile bimbo mangia libri” di Oliver Jeffers, Zoolibri

Se il libro ti piace, compralo qui: Che differenza c’è tra un libro e un bambino?

Pubblicità

2 pensieri su ““Che differenza c’è tra un libro e un bambino?” di Anna Sarfatti e Sara Benecino, Nord-Sud

  1. Posso permettermi di aggiungere un titolo? Evviva i libri di Jane Blatt, edito da Gribaudo. Grazie per questo post, adoro i libri che parlano di libri!

  2. Era proprio quello che cercavo! Grazie infinite! Anch’io aggiungo un titolo : Castelli di libri, di Alessandro Anna, ed. Franco Cosimo Panini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...