Numeri e poesia. Intervista a Simona Poidomani

Ada Byron, nota anche come Ada Lovelace, figlia del poeta Lord George Byron, è considerata la prima programmatrice della storia. Matematica della prima metà dell’Ottocento, in piena rivoluzione industriale, lavorò con Charles Babbage che inventò un macchinario a vapore precursore dei calcolatori elettronici e quindi dei computer. Ada fu una bambina e poi una donna…

Libri sotto l’albero #16

“Bocche. Animali straordinari” di Xulio Gutiérrez e Nicolas Fernàndez, Kalandraka, 17 euro  Perché regalarlo La legge della selezione naturale, che regola la vita degli animali sulla terra, recita: “Mangiare e non essere mangiati”. Le tecniche, i comportamenti e gli apparati finalizzati all’alimentazione sono quindi centrali per la sopravvivenza di tutte le specie. In questo albo…

Libri sotto l’albero #13

“Sei zampe e poco più” di Geena Forrest, Topipittori, 14,00 euro Perché regalarlo Perché è un albo di divulgazione con un’impostazione molto chiara, che insegna ai bambini a riconoscere e classificare gli insetti e li spinge all’osservazione sul campo, in mezzo alla natura. Perché sono descritte con semplicità ed efficacia le varie parti che compongono un…

Monsieur Lavoisier e il segreto della trasformazione

“Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”    (Antoine-Laurent de Lavoisier)                (Recensione di Sabrina) Spesso enti scientifici commissionano indagini per “misurare” quello che i cittadini pensano della chimica, dei composti chimici e dei chimici. Da una delle più recenti, promotrice la Royal Society of Chemistry (RSC),…

“L’estate in cui caddero le stelle” di Cristina Brambilla, Mondadori

Recensione di Roberta Siamo in un’estate dei lontani anni Cinquanta. Patrizia e Silvia sono amiche da sempre. Abitano nello stesso condominio, guardate dall’alto in basso dai vicini. Patrizia, figlia della portinaia, ama la scienza, per la quale ha una vivida inclinazione e si domanda i perché dei fenomeni naturali. Silvia, invece, figlia di una signora…

“L’uovo meraviglioso” di Dahlov Ipcar, Orecchio Acerbo

C’è un piccolo particolare de “L’uovo meraviglioso”, albo scritto e illustrato da Dahlov Ipcar nel lontano 1958 e oggi riedito e restaurato dalla casa editrice Orecchio Acerbo, che mi ha colpita e ha spalancato per me le porte della suggestione al primo sfogliar di pagine. Non si tratta della trama telata della copertina cartonata, tanto…