Il mio album da colorare

colorarecopEstate. Vacanze. I giochi, i bagni, le passeggiate, certo, ma anche le ore del dopopranzo da trascorrere al riparo sotto l’ombrellone, o i lunghi viaggi in treno o, ancora, i pomeriggi da trascorrere in città, a casa dei nonni, ché i genitori sono ancora impegnati con il lavoro.

E allora un passatempo classico ma sempre gradito ai bambini è l’album da colorare. Ce ne sono a valanghe in commercio e la maggior parte sono, appunto, molto commerciali, grossolani, sciatti. In una parola: brutti.

Perché non offrire ai bambini, anche nel campo dei libri di attività, un prodotto bello? Che abbia un’idea alla base, che sia pensato per loro, adeguato alle differenti età. Un libro con una personalità.

Ecco che, proprio per la fascia dei più piccini, approssimativamente dai tre ai sei anni, è uscito da poco “Il mio album da colorare” di Émile Jadoul, autore che, come ho sempre dichiarato su queste pagine, apprezzo vivamente per lo sguardo sorridente, gentile, sempre vicino alla sensibilità dei bimbi.
L’autore compone un albo da colorare che è anche un alfabetiere, per familiarizzare con le lettere con creatività. A ciascuna lettera sono dedicate diverse pagine e svariate illustrazioni (solitamente una per pagina, ma non sempre).

colorare1

Si parte con la consueta “ape” ma, sfogliando, troviamo anche parole più insolite – che aiutano i bambini nello sviluppo di una ricchezza lessicale – come “orticaria”, “imprudente” e “deltaplano” per chiudere con un mascherato Zorro. Alla fine del libro alcune pagine riassuntive con grandi lettere in stampatello da riempire di colore e figure corrispondenti sulla facciata contigua (queste si prestano a essere ritagliate per ricavare carte o schede per giocare e imparare).

colorare7

Sono tavole liete, buffe e divertenti, insolite, che fanno l’occhiolino ai bambini. Tra esse si affaccia un corpulento gorilla che lecca un gelato, dei tondi pinguini con palloncini a forma di nuvola o un porcospino che fa l’altalena.
Disegni semplici ma mai banali, capaci di strappare sorrisi e, in pieno stile Jadoul, colmi di tenerezza.

colorare3

Ciascuna figura è tracciata con un bordo nero spesso ed evidente, che facilita l’atto di colorare, sia che esso venga fatto con i consueti pastelli o pennarelli, sia che si usino tempere, acquerelli o altri mezzi che la fantasia può suggerire (perché non collage?). Alcune sono molto grandi, altre più piccine, per adattarsi a diversi gradi di precisione.

colorare5

L’albo è sicuramente indicato per i bambini a cavallo della prima elementare, come suggerisce la traccia dell’alfabeto e le parole scritte in chiare lettere in stampatello maiuscolo, ottime per i primi esercizi di lettura. Ma ritengo che possa essere fruito con soddisfazione anche dai più piccini, grazie ai grandi spazi bianchi da riempire agevolmente di colore, ai personaggi simpatici e vivaci che suggeriscono storie da inventare o da farsi raccontare da mamma e papà, oppure per familiarizzare precocemente con il mondo delle lettere.

(Età consigliata: dai 3 anni)

“Il mio album da colorare” di Émile Jadoul, Edizioni Clichy, 2016, 48 pag.,12 euro

Se il libro ti piace, compralo qui: Il mio album da colorare

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...