“Quel genio di Einstein” di Jennifer Berne e Vladimir Radunsky, Donzelli

einsteincopAlbert Einstein è uno dei personaggi più importanti e celebri della storia dell’umanità. In ambito scientifico i suoi studi, e le sue scoperte fortemente innovative, hanno operato una rivoluzione enorme che ha cambiato per sempre alcuni principi di base per l’analisi e la concezione della realtà fisica.

Einstein è noto per le sue teorie, ma forse è conosciuto soprattutto per l’aurea di genialità che il suo nome evoca. Einstein è la “mente” per eccellenza, lo studioso le cui speculazioni, complicatissime, vengono considerate fuori dalla portata della maggior parte della gente.

Vista in quest’ottica, sorprende la scelta di Jennifer Berne e Vladimir Radunsky – autrice americana appassionata di scienza la prima e raffinato illustratore dai natali russi il secondo – di dedicare un albo per bambini (addirittura per quelli in età prescolare o poco  più) proprio a “Quel genio di Einstein”. Libro pubblicato da pochissimo in Italia dalla casa editrice Donzelli.

Stupisce ma solo superficialmente. Perché infondo, a ben pensarci – e dopo essersi immersi nella delicatissima e piacevole lettura dell’opera – la mente bambina è quella che più si avvicina alle mente scientifica. In che senso? Semplice: nella capacità, nel desiderio inesauribile di porsi domande, e di cercare codici, più o meno fantasiosi, per l’interpretazione del reale.

Un bambino che cresce guarda, osserva, sperimenta, deduce, in maniera molto più efficace e continuativa rispetto agli adulti che lo circondano, perfino di quelli che si pongono come insegnanti.
E il genio, la potenzialità per sapere e scoprire, per compiere ricerche ed avere successi in grado, forse, di cambiare il mondo, risiede in primo luogo nel non perdere, avanzando con l’età, questa capacità.
Nel continuare a porsi domande e cercare, incessantemente, le risposte

“Quello che conta è non smettere mai di farsi domande. La curiosità ha la sua ragione di esistere” A.E.

Su questo concetto – a mio parere fondamentale ed incredibilmente importante da passare ai bambini – si basa l’albo, che ripercorre, con accuratezza ma con semplicità, e con uno sguardo costantemente attento alla percezione del piccolo lettore, la vita di Albert Einstein.

Dalla sua nascita, serena in una famiglia amorevole, al suo essere un bambino diverso dagli altri, poco precoce col linguaggio ma molto riflessivo ed osservatore.
Uno scolaro fuori dal branco, curioso, in un’epoca in cui la disciplina contava ed era apprezzata sicuramente di più della vivacità intellettuale.

einstein1Il giovane Einstein viene ritratto nella sua pacatezza, nel suo amore per gli studi matematici e fisici, nel suo ingegno, nelle intuizioni, a volte improvvise, altre frutto di una molteplicità di domande.

einstein2Ovviamente in una pubblicazione destinata a bambini piuttosto piccoli non si può entrare nel merito delle teorie einsteiniane. Ma l’autrice riesce comunque a dare degli spunti, comprensibili ed efficaci, per inquadrare, in maniera chiara anche per i piccini, la direzione e l’ambito delle scoperte.

Parla così di forza gravitazionale, di atomi, di luce, di movimento, di tempo e spazio, di forze che operano nell’universo, di applicazioni pratiche, arrivando perfino alla teoria della relatività.

einstein3Cenni, semplificati al massimo. Ma è noto che per rendere facile un concetto difficile bisogna averlo assimilato bene e da qui si comprende che il libro non è opera superficiale e approssimativa ma frutto di lunga e accurata ricerca, come ci spiega la Berne stessa nelle ultime due pagine dell’albo dove, in brevi paragrafi, focalizza alcuni punti fondamentali della vita e della personalità dello scienziato.
Aspetti chiave come il pacifismo, l’incredibile capacità teorica, la fantasia e – giustamente –  la famosa formula E = mc2.

Ciò che emerge, alla fine della lettura, è la sensazione di essersi avvicinati, in punta di piedi, ad un uomo straordinario. Per le sue scoperte, sì, ma anche, e soprattutto, per la sua umanità.

Il libro non tace sulla stravaganza di Einstein, sull’anticonformismo, sulla fedeltà ai suoi ideali, sulla potenza della sua immaginazione. Racconta dell’amore per la musica, per la barca a vela, perfino delle scarpe portate senza calzini e dei maglioni sformati!

Ai lettori resta l’idea di un personaggio quasi “familiare”, simpatico, tenero, strampalato a volte, con qualche vezzo infantile.

Non è il professorone ad emergere, né il cattedratico, tantomeno lo scienziato altero, bensì qualcuno la cui via potrebbe appartenerci, e, visto che sono tante ancora le domande cui dare risposta, il bambino di oggi potrebbe diventare il genio di domani.

Le illustrazioni di Radunsky, al pari del testo, sono delicate ma impressive. Con un tratto rapido, scanzonato, quasi nervoso, ma che si fa dolce nei volti e negli occhi espressivi.
Pochi i colori, pacati, molte le suggestioni, a ben rendere bizzarrie e profondità, speculazioni mentali e gaiezza.
einstein4Per completare con una raffinata scelta della carta di base, dalla tinta ocra e picchiettata, che suggerisce storie d’altri tempi ma importanti e da tenere in gran conto.

(età consigliata: dai 5 anni)

Se il libro ti piace, compralo qui: In sella a un raggio di luce

Annunci

2 pensieri su ““Quel genio di Einstein” di Jennifer Berne e Vladimir Radunsky, Donzelli

  1. mia figlia Anna, 5 anni, l’ha ricevuto in dono ieri dall’adorata zia Valentina. Davvero un bel libro, che abbiamo letto insieme ieri sera, lei mi ascoltava attenta e rapita, curiosa delle domande che si poneva Albert..e poi mi ha detto: lo sai mamma, anche io mi faccio tante domande!

  2. Pingback: DIVERSO…da CHI? | Libri e Marmellata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...