“Violetta la streghetta e l’incantesimo suppergiù” di Anu Stohner ed Henrike Wilson, Beisler

violettacopUn taglio classico, una bella storia e grandi illustrazioni per il nuovissimo albo illustrato edito da Beisler: “Violetta la streghetta e l’incantesimo suppergiù” di Anu Stohner ed Henrike Wilson.

A me già delizia quel piccolo e sbarazzino neologismo – “suppergiù” – che è così prossimo al linguaggio e alla vivacità dei bambini…
Il racconto poi segue in piena linea, perfettamente accordato, con una protagonista pasticciona ma serena, felice e soddisfatta della sua natura, anche quando l’andare controcorrente paga il pegno delle risatine delle compagne, delle prese in giro più o meno dirette, dell’additamento costante.
Ma poco importa! Ciò che conta non sono i risultati ma le buone intenzioni e più che la perfezione vale la fantasia e sopra la precisione c’è sempre l’allegria, così come la gioia e la fiducia nei propri risultati, seppure strampalati, superano di gran lunga la maestria e la rigida ortodossia.

Creatività e sorriso sulle labbra, paiono le parole d’ordine della storia che dimostra perfino che alla lunga questi pagano e che un’opera che a prima vista può sembrare compiuta malamente può riservare poi sorprese e pregi inaspettati.

Violetta è una strega a tutti gli effetti, seppure piccina, e, come le sue compagne, ha il dono della magia. Ma i suoi incantesimi – purtroppo o per fortuna – difettano un po’ di precisione perché la nostra simpaticissima amica quando non ricorda una parola magica, voilà, la inventa e così i risultati finiscono per essere un po’….suppergiù.

violetta3E se la casa deve avere le pareti dritte, le sue appaiono un po’ stortignaccole; se la scopa per volare in linea deve essere retta come un fuso, la sua risulta alquanto bitorzoluta e procede, per forza di cose, a zig zag. E se tutte le streghe hanno un corvo per assistente, lei finisce per ritrovarsi un curioso coniglio blu, fuori luogo come il suo naso, che è un po’ troppo alla francese per rassomigliarla alla classica figura stregonesca…

Ma Violetta non si perde mai d’animo, anche quando le colleghe la deridono e la sbeffeggiano non smarrisce la serenità e apprezza, uno per uno, tutti i suoi bislacchi risultati.

violetta1Troppo ingenua, si potrebbe pensare, un po’ naif, si sarebbe spinti a credere…Ma nel momento della grande minaccia, quando un gigante spaventoso e feroce arriva a terrorizzare il bosco delle streghe e tutte le povere abitanti, soltanto la creatività e la fantasia di Violetta si rivelano risolutive, salvando le compagne e ammansendo perfino il terribile nemico.

Un albo indubbiamente generoso, nella molteplicità di aspetti positivi che mostra.

Innanzitutto la qualità del racconto, che risulta lineare e semplice ma divertente, ricco di suspense, compiuto, con uno schema narrativo che segue la struttura classica della fiaba, risolvendola però in un lieto fine per tutti i personaggi, perfino quelli cattivi.

Di libri per bambini interessanti e di pregio ce ne sono tanti, ma talvolta si sacrifica un po’ la qualità della storia alle illustrazioni, che diventano la spina dorsale, e il motivo di valore, dell’opera. Ci si dimentica che i bambini desiderano prima di tutto un bel racconto, in grado di interessarli ed emozionarli, che sappia chiudersi dal punto di vista della narrazione senza lasciare sospesi, che abbia un’introduzione convincente, un climax e un buon finale, senza tralasciare il divertimento.
Credo che qui ci troviamo di fronte ad una storia di questo tipo, in grado di suscitare nei piccoli ascoltatori la richiesta – equivalente ad una promozione a pieni voti dell’opera – “leggila ancora!”.

In secondo luogo, l’albo è portatore di un messaggio, e di un insegnamento, profondamente positivi: se si mette il cuore in ciò che si fa i risultati posso anche apparire “suppergiù” ma non perdono valore, anzi ne acquistano.

Quando un bambino si cimenta in un compito difficilmente l’esito sarà impeccabile e purtroppo ci sarà sempre chi – amico, fratello o compagno di scuola – si mostrerà pronto a sbeffeggiarlo o a far notare l’imprecisione.
E’ importante che i nostri bimbi sappiano che, indipendentemente da cosa possono dire o pensare gli altri, i loro lavori sono importanti e degni di nota e che la qualità non risiede nell’avvicinarsi alla perfezione, ma nella buona volontà, nella creatività, nell’impegno e, perfino, nella rielaborazione personale.

Un monito anche a quei genitori che si mostrano poco indulgenti verso i difetti dei piccoli: prima di sottolineare la macchia d’inchiostro o la pagina del quaderno spiegazzata, prima di criticare una tavola apparecchiata alla rinfusa o un letto rifatto che sembra più sfatto, soffermiamoci a valutare col cuore l’iniziativa e non sempre e soltanto con gli occhi, troppo rigidi, della nostra ragione adulta.

Infondo i bambini sono belli, come Violetta, anche per il loro essere “suppergiù” e forse guadagneremmo in salute anche noi, a saperlo essere un po’ di più.

violetta2Tornando all’albo, le illustrazioni, pur dominando per grandezza quasi l’intera doppia facciata e lasciando la parte testuale confinata in un rettangolo bianco nella parte inferiore della pagina, si rivelano perfettamente in equilibrio con lo scritto, accompagnandolo fedelmente e sottolineandone, con le scene e l’espressività dei personaggi, situazioni ed emozioni.
Un rapporto testo-immagine classico, così come il corredo figurativo scelto, in piena linea con l’immaginario consueto su streghe, boschi, magie e giganti. Pipistrelli, quindi, e lune piene, e grandi tronchi dalle chiome scure e catapecchie, nasoni e cappellacci…ma il tutto addolcito da un tratto morbido e bonario che più che spaventoso rende il libro allegro e, sottilmente, tenero.

(età consigliata: dai 4 anni)

Se il libro ti piace, compralo qui: Violetta la streghetta e l’incantesimo suppergiù

Annunci

3 pensieri su ““Violetta la streghetta e l’incantesimo suppergiù” di Anu Stohner ed Henrike Wilson, Beisler

  1. Pingback: Tutti i mostri, le streghe, i vampiri e gli zombie di Libri e Marmellata! | Libri e Marmellata

  2. Pingback: Bibliografia Flashbook-letture a ciel sereno 2013 | Libri e Marmellata

  3. Pingback: DIVERSO…da CHI? | Libri e Marmellata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...