“Che forza papà!” di Isabella Paglia e Francesca Cavallaro, Fatatrac

papacopSiamo prossimi alla festa del papà, ricorrenza che, come quella della mamma, i bambini – e le scuole! – amano festeggiare con regalini e lavoretti tutti dedicati al genitore.
Perché non cogliere lo spunto per far trovare ai nostri figli un libro a tema, per celebrare, tra un bignè e una coccola, i papà anche con una bella lettura condivisa?
Nei prossimi giorni proverò – tempi e impegni permettendo – a fornire qualche suggerimento per albi allegri e gustosi che possano diventare, anche negli altri giorni dell’anno, un piccolo e piacevole terreno di incontro tra un papà lettore e un bimbo divertito ascoltatore.

Comincio oggi con un libro fresco fresco di stampa: “Che forza papà!” di Isabella Paglia e Francesca Cavallaro, edito da Fatatrac.

La coppia autrice-illustratrice ci è già nota per lo scoppiettante e allegrissimo “Di mamma c’è n’è una sola”, albo vivace ma delicato che racconta ai piccoli delle molteplici vie, diverse ma tutte animate dall’amore, per diventare madre, dal concepimento naturale, all’adozione, alla procreazione assistita.

La stessa tenerezza ed attenzione, come anche i medesimi buffi bambini – sorridenti, peperini e impertinenti – , la troviamo anche in questo secondo libro, ma stavolta i protagonisti indiscussi e assoluti sono i papà.

Il dialogo brioso tra i piccoli protagonisti che fa da traccia all’albo ricorda un po’ la celebre canzone di Gaber – avete presente quella col bambino ricco e il bambino povero che si scontrano a suon di “il mio papà…”? – ma qui non c’è alcuna traccia di contrapposizione in base al reddito: tutti i simpaticissimi ragazzini sono molto fieri dei loro rispettivi genitori e non desiderano altro che raccontare agli amici quanto siano in gamba, forti e coraggiosi.

Pages from +CHE_FORZA_PAPA__libro_completo_di_Isabella_Paglia__(1)-2C’è il papà che fa il meccanico e sa aggiustare tutte le auto, c’è il papà che fa il veterinario e sa guarire tutti gli animali, c’è il papà che fa la spesa al supermercato, quello che accompagna i figlioletti in spiaggia, quello che spaventa i mostri alla sera quando la paura di andare a dormire prende il sopravvento e ci sono i papà che fanno i lavori di casa, stirano e lavano (ottimo proposito quello di sottolineare ciò, anche se l’espressione “aiuta la mamma” non l’avrei usata, sarebbe stato meglio, a mio parere, un “collabora alla gestione della casa”…).

Ma non tutti i bambini hanno un solo papà. Ben presto si introduce nella conversazione un piccolo che conosce solo il suo “secondo” papà – quello che vive con lui e la mamma – perché il primo, colui che l’ha generato, non l’ha mai conosciuto.
Pages from +CHE_FORZA_PAPA__libro_completo_di_Isabella_Paglia__(1)Arriva poi la bimba che ne ha due, come l’altro, ma il primo lo conosce eccome e trascorre con lui molto tempo.
Infine un grazioso discoletto che asserisce che lui ha soltanto il papà, che è appunto “single” e che da solo, senza una mamma, l’ha cresciuto e accudito.

Insomma, alla fine l’intera combriccola di amici non potrà che concludere che l’importante non è la “tipologia” o la “natura” del genitore, ma la dimensione affettiva e che colui che gioca, si prende cura, rimedia ai piccoli danni fisici ed emotivi, dedica il suo tempo ed ovviamente ama, è senza dubbio e a tutti i diritti il papà.

Pages from +CHE_FORZA_PAPA__libro_completo_di_Isabella_Paglia__(1)-3Un libro ben fatto, che si preoccupa di valorizzare le differenze, non negandole ma annullandole sul piano dell’amore.
E’ necessario che i bambini siano abituati alla diversità – e alla ricchezza della diversità – non tanto perché di natura la noterebbero, ma perché la società esterna – quella degli adulti o degli altri ragazzini che non hanno l’opportunità di avere modelli aperti mentalmente – tende, ancora oggi, a escludere, dividere, giudicare e ghettizzare.

Di primo acchito, sfogliando l’albo, mi sono detta che si avvertiva la mancanza della rappresentanza omosessuale, che forse avrei introdotto anche quel tema, tra i diversi modelli di famiglie rappresentate. Non mi sento in diritto di dare suggerimenti all’autrice e forse questa non era la pubblicazione pensata per lo scopo, ma se ci dovesse essere un seguito dedicato alle famiglie, magari ci sarebbe da pensarci.

Pages from +CHE_FORZA_PAPA__libro_completo_di_Isabella_Paglia__(1)-4Le festose, buffe e coloratissime illustrazioni di Francesca Cavallaro – con i suoi bimbi dai larghi sorrisi sdentati e le buffe pettinature – contribuiscono con gran successo ad infondere l’allegria che è giusto faccia da leit-motiv al libro.
Perché parlando d’amore è bello che si sorrida ed è bene che ogni bimbo possa sentirsi lieto e fiero della sua famiglia, quando c’è legame ed affetto, anche se gli altri la additano come stramba o diversa.

(età consigliata: dai 4 anni)

Se il libro ti piace, compralo qui: Che forza papà

Annunci

3 pensieri su ““Che forza papà!” di Isabella Paglia e Francesca Cavallaro, Fatatrac

  1. bene per chi conosce il suo secondo papà e non ha mai conosciuto il primo ma come la mettiamo con i bambini che vivono solo con al mamma perchè il primo e unico papà non li ha riconosciuti?

    • Bhe, ma questo è un libro sui papà 😉 Insomma quella è un’altra storia, non mi pare questo libro la sede giusta per affrontare questa questione (che è affrontata in altri libri per bambini sulle famiglie in generale)

  2. Pingback: A ciascuno il suo… | GiGi Il Giornale dei Giovani Lettori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...