“La ragazza chissachi” di Sara Weeks, editore Beisler

Un libro insieme dolce e amaro, leggero e impegnativo….amaro e impegnativo perchè racconta una storia calata in una realtà difficile: la malattia mentale di un genitore; dolce e leggero perchè sa raccontare questa realtà con assoluta lievità, divertendo, lasciando sovente anche il sorriso sulle labbra.

Heidi ha 12 anni e vive con la mamma, che non è in grado di badare a se stessa, conosce solo 22 parole e non sa nemmeno il suo vero nome e la vicina che le ha accolte e soccorse, Bernadette, che soffre di agorafobia. Nonostance ciò Heidi è serena: ama profondamente la madre e vuol bene a Bernadette e si accontenta della loro tranquilla e discreta esistenza. Finchè un giorno non salta fuori dal cassetto una foto misteriosa, Heidi la mostra alla madre che riesce solo a pronunciare la parola numero 23: suff….Cosa vuol dire suff? E’ una parola che viene dal passato, ignoto, della madre e così Heidi partirà per un viaggio alla ricerca delle sue radici e della verità.
Un viaggio importante, di crescita, di conoscenza, di cambiamento, da quale non si torna indietro…

Un romanzo delizioso e commovente, che si legge d’un fiato.

(età consigliata: dai 10 anni)

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...