“Fortunatamente” di Remy Charlip, Orecchio Acerbo Editore

“Fortunatamente” di Remy Charlip è un albo strordinario di cui si è parlato moltissimo esattamente un anno fa in occasione della sua prima posizione al Premio Andersen nella categoria 6/9 anni.
Mi sono oggi accorta con orrore di non averlo mai recensito per Libri e Marmellata ed allora sono corsa i ripari!
Essendo un’autodidatta della letteratura per l’infanzia, le mie letture non sono organizzate e seguono un infido criterio casuale che spesso e volentieri mi porta ad accorgermi tardi dei capolavori (seguitemi lo stesso, però: prima o poi me ne accorgo!). Ero quindi all’ultima fiera della piccola editoria a Roma quando, presso lo stand dell’Orecchio Acerbo editore, mi è capitato tra le mani questo libro meraviglioso. L’ho sfogliato e letto immediatamente, sul posto, come quando si gusta una prelibatezza appena comprata, catturata dalla bellezza un po’ retrò delle illustrazioni e dal ritmo perfetto del semplice testo.

La storia narrata è quella di Ned, newyorchese sorridente, che un giorno si vede – fortunatamente – recapitato un invito ad un festa a sorpresa. Ma – sfortunatamente – la festa è in Florida, cioè dall’altra parte degli Stati Uniti. Fortunatamente- però, Ned ha un amico che gli presta un aereo (chi non ha un amico così? Meraviglioso: nel mondo pieno di possibilità dell’immaginazione infantile tutto accade con naturalezza, e questo libro ne è la prova). Ma – sfortunatamente – l’aereo si guasta e precipita a mezz’aria. Fortunatamente – ancora, Ned ha un paracadute…ma sfortunatamente….E via così, tra un “fortunatamente” e uno “sfortunatamente” , con frasi veloci e semplici, si snoda la storia del giovane Ned che, assistito dalla dea bendata (ma anche un po’ dalla sua rivale, quella che ci vede benissimo) e dotato di grande spirito reattivo e d’iniziativa, alla fine, nientepocodimeno che con un tunnel sotterraneo scavato per sfuggire a fameliche tigri, si troverà casualmente proprio in un grande salone dove si sta svolgendo – indovinate! – la festa a sorpresa cui era stato invitato e che, ciliegina sulla torta, è per il suo compleanno. Ned spegnerà allora le candeline, fortunatamente circondato da tutti i suoi amici.

Il racconto è iperbolico e paradossale ed ha svariati pregi. Innanzitutto diverte da morire, sia i grandi che i piccini. Secondo, pur nella sua assoluta non verosimiglianza, insegna qualcosa di profondamente vero, e cioè che la vita è un’alternanza di situazioni piacevoli e meno piacevoli ma  – cosa fondamentale per il bambino, che va sempre rassicurato e mai lasciato da un libro con un senso d’incertezza e di abbandono che in qualche modo non si risolva o dia un’idea di risoluzione – che tutto alla fine trova un motivo ed una positività, grazie soprattutto all’ingegno, alla fiducia e alla capacità di non perdersi d’animo. Il “fortunatamente” esiste e si ripete nel testo, ma è Ned spesso e volentieri che risolve il problema (anche se non sempre). Terzo, il testo ha un ritmo irresistibile; talmente irresistibile che io e mio figlio di mezzo (il seienne) abbiamo inventato il gioco del “fortunatamente” e nelle nostre mansioni quotidiane riproponiamo lo schema trascinante del libro (“fortunatamente mamma ha preparato la cena…ma sfortunatamente c’è il minestrone….fortunatamente nel minestrone non ci sono zucchine….” E così via, quando ci va).

Le illustrazioni a me piacciono tantissimo: ho tenuto il libro in prestito per un mese e non facevo altro che sfogliarlo e risfogliarlo per goderne il più possibile. Sono figure  a doppia pagina, coloratissime quando si narra il risvolto fortunato della storia, e in bianco e nero quando si racconta il rovescio della medaglia, lo “sfortunatamente”. La figura ha sempre un taglio originale, come una foto con un inquadramento insolito ma più che mai efficace. Sono disegni netti, con il giusto numero di dettagli, colori intensi e sgargianti, vivi.

Infine qualche cenno sull’autore: Remy Charlip è un oramai anziano artista americano dai mille talenti. Scrittore e illustratore, pittore, coreografo, ha scritto “Fortunatamente” nel lontano 1964. Pochi purtroppo i suoi libri tradotti in Italia.

(età consigliata: dai 4 anni)

Annunci

Un pensiero su ““Fortunatamente” di Remy Charlip, Orecchio Acerbo Editore

  1. Pingback: Bibliografia Flashbook-letture a ciel sereno 2013 | Libri e Marmellata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...