“I ragni mi fanno paura” di K.L. Going, Piemme (Il battello a vapore)

Pubblicato nel 2005, questo bel romanzo di K.L.Going accosta la lievità di una scrittura delicata e sobria alla profondità di temi importanti e grandi, come l’amicizia, il razzismo, la capacità di cambiare se stessi in nome di un sentimento e di un ideale.

Siamo in Georgia, nell’estate del 1976. Gabriel King vive in una roulotte, con i genitori, persone sensibili ed affettuose. Ha appena terminato le scuole elementari e si appresta a vivere le sue vacanze insieme alla sua migliore amica: Frita.
Frita, figlia di un predicatore, è intelligente e vivace, indomita e coraggiosa, ed ha la pelle nera. Per Gabriel e la sua famiglia questo non è certo un problema, ma per alcuni bulli del paese e i loro genitori pare vada diversamente.
Gabe, però non offre grandi garanzie di difesa dell’amica perchè, si sa, lui è un coniglio.
Ha paura di tantissime cose, dai ragni alle strade trafficate dai camion, dagli alligatori ai tuffi nel lago con la liana. Ma il fatto peggiore è che Gabriel ha paura di andare alle scuole medie e per questo motivo pare deciso a restare in quinta.
Frita però non è dello stesso parere e ha deciso: durante l’estate si dedicheranno ad affrontare ad una ad una tutte le paure di Gabriel per sconfiggerle.
Iniziano così giorni intensi e significativi per i due amici, che si trovano a dover fare i conti con ciò che più li spaventa. Alla lunga lista del ragazzo si aggiunge infatti anche la breve lista di Frita, che ha paura di poche cose ma – ahimè – importanti.
E ciò che terrorizza più Frita è una minaccia che viene dal passato ma che pare quanto mai attuale nelle intimazioni di alcuni pessimi personaggi del paese: il Ku Klux Klan.
Gabriel, Frita e le loro famiglie devono allora farsi forti dell’unione per affrontare la violenza e il razzismo che ancora dilagano.

Un romanzo di liberazione, di crescita, di profonda amicizia.
Una storia toccante, dura, ma allo stesso tempo delicata, vista attraverso gli occhi di un ragazzino sensibile, ingenuo, che con coraggio impara a mettersi in gioco, ad affrontare i propri fantasmi in nome del senso di giustizia e dell’amore che prova per la sua migliore amica.
Gabriel accetterà, alla fine delle storia, di andare alle medie, di proseguire nel suo percorso di crescita, accetterà di vedere e di combattere l’oppressione e l’ingiustizia che lo circondano. Accetterà di essere ciò che è e di cercare la forza per cambiare.

Molto bella la resa nel romanzo delle atmosfere di periferia americana degli anni 70. Senza troppi elementi descrittivi l’autrice riesce a tirare dentro il lettore e lasciarlo immergere nella storia e nella realtà del tempo.

Il romanzo ha vinto nel 2008 il Premio Andersen come miglior libro 9-12 anni.

(età consigliata: dai 10 anni)

Annunci

Un pensiero su ““I ragni mi fanno paura” di K.L. Going, Piemme (Il battello a vapore)

  1. Pingback: Amici per la pelle! | Libri e Marmellata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...