“Alfons Aberg, c’è un fantasma?” di Gunilla Bergström, Il gioco di Leggere

A casa nostra è diventato un tormentone: “Mamma! Esistono in mostri?” “Papà! Esistono i fantasmi?”. Si tratta sempre del mio figlio di mezzo, quello che, a detta sua è “un po’ grande e un po’ piccolo” e quindi può permettersi salti nell’irrazionale, che noi adulti siamo tenuti a rassicurare.

Questo libro edito da Il gioco di Leggere ripropone e affronta esattamente le paure del mio bimbo, e forse quelle di molti altri bambini della stessa età.

Alfons sa benissimo che mostri e fantasmi non esistono però i dubbi sono sempre in agguato. Soprattutto quando è sera, se si è al buio, se il papà non è ancora rientrato…Ed è proprio il papà, ascoltate le sue paure, a prenderlo un po’ in giro, a rassicurarlo e ad offrirgli una formula magica per allontanare i fantasmi, formula che rammenta bene che, appunto, i fantasmi non sono reali.
Ma il piccolo Alfons deve scendere in cantina e in cantina si sa, ci sono strani rumori, ombre sospette….la formula magica funzionerà? E se degli strani lembi bianchi sembrano non sparire con le parole magiche cosa si fa? Beh, bisogna senz’altro correre a chiamare papà che saprà sciogliere il mistero.

Un albo divertente, psicologicamente molto rispondente ai meccanismi mentali dei bambini che razionalmente sanno benissimo che i mostri della loro fantasia non esistono, ma che non possono fare a meno di temerli. Perché il mondo per loro è ancora grande e misterioso e sono troppe le ombre che li rendono insicuri.
Allora saranno i grandi intorno a loro, quelli che li amano, ad assumersi il compito di accogliere le loro paure ma insieme svelarle, offrire misure contro i fantasmi che siano alla loro portata e che li rassicurino, incitarli ad affrontare le paure, senza però svalutarle.
“Tu non rispetti le mie paure” mi dice mio figlio quando, troppo esausta della mia giornata, perdo la pazienza all’ennesima richiesta di conforto. Ed ha ragione lui: non dovrei mai stancarmi di ripetergli sorridendo che i mostri non esistono e di infondergli la sicurezza per affrontare la paura.

(età consigliata: dai 5 anni)

Se ti piace il libro, compralo qui: Alfons Aberg, c’è un fantasma?

Annunci

Un pensiero su ““Alfons Aberg, c’è un fantasma?” di Gunilla Bergström, Il gioco di Leggere

  1. Pingback: Tutti i mostri, le streghe, i vampiri e gli zombie di Libri e Marmellata! | Libri e Marmellata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...